Un country hotel super esclusivo chiamato “VIK”

Se esiste un luogo da sogno sulla terra, sarebbe quello che si trova su quella linea sottile che separa il cielo, il campo, la laguna e il mare, un punto quasi impossibile all'orizzonte dove la natura raggiunge un connubio perfetto. Nella cittadina di José Ignacio sorge Estancia Vik, un'iniziativa del developer norvegese Alex Vik, un “capriccio” che mira a sostenersi con le dodici camere di questo super esclusivo country hotel.
Il carattere speciale di questa proposta è dato dal marchio di sedici artisti uruguaiani che sono intervenuti nei diversi ambienti con dipinti e sculture. La furba Lara ha dipinto il soffitto del soggiorno, dove si trova anche una scultura di Pablo Atchugarry. La cappella è stata trattata come un gioiello da Carlos Musso e la grata porta il timbro di Marcelo Legrand. Nella sala giochi sono intervenuti Roberto Piriz e José Pelayo, mentre ogni patio presenta sculture di Águeda Dicancro, Ricardo Pascale, José Pelayo e Alejandro Turell.

Con un design strutturato attorno a quattro cortili interni che collegano diverse aree della stanza, ogni spazio è identificato da colori, materiali e trame.

Qui i patii hanno grande risalto e anche i loro pavimenti si differenziano: sono stati progettati seguendo un ordine cromatico e utilizzando materiali le cui texture e colori trasmettono sensazioni diverse, dall'erba al mattone, alla pietra o al legno.

Il capannone in lamiera ha preso colore dalla mano dell'artista plastico Marcelo Legrand. Qui spicca un focolare centrale con una grande campana d'acciaio sorretta da tenditori. La piscina in uno dei cortili interni è costruita in pietra nera con piccole luci che imitano la volta celeste e sono programmate per brillare sottilmente. E' circondata da un ampio solarium con archi che permettono di godere della vista sulla campagna e sulla laguna.

Le dodici lussuose suite hanno una superficie compresa tra i 46 mq e gli 2 mq, tutte con ampi terrazzi che permettono di avere una vista spettacolare del paesaggio, sia verso la campagna, la laguna o il ruscello che attraversa la proprietà.

Nella suite decorata dal pittore Carlos Musso, viene evocato lo scrittore uruguaiano Felisberto Hernández, e gli affreschi rappresentano personaggi delle sue storie. Musso ha interpretato il mistero delle sue storie in chiave voluttuosa e notturna, con una predominanza di intensi blu e rossi. Il dettaglio fa la differenza in questa camera di José Ignacio, curata con la cura di una casa privata, anche se la sua destinazione è quella di ospitare come un sofisticato hotel: ogni camera è semplicemente unica.

L'edificio di Estancia Vik segue lo stile coloniale spagnolo, con i suoi 5000m2 situati al piano terra, ed è distribuito secondo la disposizione di quattro cortili: in due di essi, a nord ea sud, si trovano l'ingresso principale e la piscina .

Nelle ali della stanza in cui si trovano le stanze, le volte sono state dipinte a colori: blu per l'ala ovest e giallo per l'ala est.

In una versione contemporanea dell'architettura coloniale spagnola, con linee snelle e decorazioni più spoglie, l'architetto Marcelo Daglio ha progettato queste suggestive volte che richiamano la serenità dei monasteri. Da lì è possibile accedere alle camere.

Negli ambienti interni questa preziosa passione per dare a ciascuno la propria identità è estrema. Ad esempio, il comodino portato dall'Europa e il cestino con le stelle marine di José Ignacio.

La colonna di marmo di Pablo Atchugarry occupa un posto di primo piano nel soggiorno e nella pianta generale, poiché è visibile dall'ingresso della stanza. Credit: Santiago Ciuffo

Nel soggiorno, un fregio di Clever Lara che rappresenta paesaggi uruguaiani. I sorprendenti geodi di quarzo e ametista svolgono un ruolo decorativo.

Il bagno della Vik Suite, interamente realizzato in jacaranda proveniente dall'India dai fratelli Leal, di Montevideo. Accanto, l'artista Eduardo Cardozo, ha lavorato direttamente sulle pareti, dove ha rappresentato scene della campagna.

La qualità artigianale dei rivestimenti e dei sanitari conferisce loro un carattere distintivo che li distingue da qualsiasi proposta standardizzata.

Il bagno della suite Cardozo, rivestito con pezzi di marmo ritagliati. Accanto, la vasca della Master Suite Daglio, realizzata in legno di faggio da artigiani uruguaiani dediti alla costruzione di canoe, con la progettazione e la supervisione dell'Architetto Daglio.

Partecipa alla discussione

Confronta gli elenchi

Confronta