Pueblo Garzón: da città fantasma a centro culturale dell'Uruguay

Garzón, una città ferma nel tempo ad est dell'Uruguay, si trova a 30 minuti dal faro delle terme Jose Ignacio ed è riuscita ad affascinare turisti di tutto il mondo con la sua magia.

La stazione ferroviaria di Pueblo Garzón si trova a circa 145 chilometri a est della capitale del paese. I treni non si fermano lì da mezzo secolo. Nonostante sia in rovina, o forse proprio per questo, conserva il fascino di luoghi con anni di storia.  

Sul retro, tracce arrugginite si estendono in un orizzonte vuoto, a lungo sepolto sotto l'erba. Iván Martínez, commerciante, ha raggiunto due vagoni abbandonati attraverso una passerella di legno e, all'interno, ha offerto uno spazio agli artisti latinoamericani emergenti.

Pueblo Garzón era una terra di opportunità che in seguito caddero nell'oblio e recentemente iniziarono a riprendersi. È nato circa un secolo fa, quando agricoltori e allevatori si sono riversati a est da Montevideo in Brasile. I politici della capitale non riuscirono a nominare il luogo fino al 1935, rendendo omaggio al famoso indipendentista del XIX secolo Eugenio Garzón, il generale destinato a diventare uno dei primi presidenti dell'Uruguay ma che morì durante il viaggio verso Montevideo per prendere possesso dell'incarico . 

La morte di Pueblo Garzón, come quella di tante città ferroviarie, è avvenuta di pari passo con una nuova autostrada, la Route 9, che si è fatta strada pochi chilometri più a sud e ha reso obsoleta la linea ferroviaria. Negli anni '1960 la popolazione era crollata, da circa 2.000 a meno di 200. Per mezzo secolo, Pueblo Garzón è rimasta come una città fantasma di un film.

Poi, nell'ultimo decennio, è successo qualcosa di strano: le case abbandonate di Pueblo Garzón sono state trasformate in ristoranti di lusso, enoteche e gallerie d'arte. Cominciarono ad arrivare turisti da tutto il mondo, incantati dalle sue strade sterrate e dalla nostalgia del tempo.

Il celebre chef argentino Francis Mallmann, meglio conosciuto all'estero per il suo stravagante episodio Patagonia nella serie statunitense Netflix Chef's Table, afferma di essersi innamorato del posto sin dalle sue prime visite alla fine degli anni '70, quando gestiva un ristorante sulla vicina costa. Nel 2003, Mallmann ha lasciato l'umido Atlantico per l'interno più secco di Garzón, aprendo un ristorante ai margini della sua piazza fiancheggiata da palme. Le strade furono presto sistemate e la città subì alcuni dei suoi primi miglioramenti in una generazione.

Più o meno nello stesso periodo in cui Mallmann arrivò nella città di Garzón, anche il ricco uomo d'affari argentino Alejandro Bulgheroni che, a metà degli anni 2000, trasformò Garzón in una nuova regione vinicola. Cantina Garzon È stato inaugurato nel 2016 e ora circa 30.000 turisti vengono ogni anno per degustare i vini che hanno posizionato l'Uruguay nel mercato del vino.

Tra queste bottiglie c'è Balasto, un'elegante miscela rossa con molto Tannat, così come il brillante ed energico Petit Clos Albariño che mostra il potenziale di quest'uva galiziana dall'altra parte dell'Atlantico. Bulgheroni ha anche una passione per i rosé in stile provenzale, in particolare il Field Blend 2021.

Oltre alle degustazioni, i visitatori di Bodega Garzón possono anche giocare al golf club Tajamares o cenare al ristorante gestito da Mallmann.

Tuttavia, altrettanto attraente come il Cantina Garzon sono le cantine boutique che spuntano in città, come Compañía Uruguaya de Vinos de Mar, che ha aperto un piccolo ristorante e wine bar a gennaio. Gestito da Michelini i Mufatto (un'azienda a conduzione familiare con aziende vinicole a Mendoza, in Argentina e nella regione spagnola del Bierzo), offre tapas uruguaiane abbinate a quelli che definisce "vini trascendenti".

Pueblo Garzón sta passando dall'essere una destinazione di un giorno a un luogo per un viaggio più lungo e riposante. Il piccolo Mallmann Hotel di cinque stanze, ospitato in un grande edificio in mattoni che un tempo ospitava un emporio, era l'unico in città. Ora puoi trovare case vacanza rustico-chic e proprietà boutique di lusso come il LUZ Culinary Wine Lodge con sei camere da letto. Questa è una proprietà minimalista in stile marocchino, immersa tra vigneti e uliveti verde smeraldo sulla strada tra Garzón e José Ignacio. C'è anche una spa con prodotti di bellezza su misura, un gin bar vicino alla piscina a sfioro e un ristorante pop-up nella pineta adiacente, dove lo chef argentino Martín Milesi riunisce gli ospiti attorno a un lungo tavolo.

Il cibo e il vino possono essere la pietra angolare di Pueblo Garzón, ma ciò che ha davvero cementato la sua ascesa negli ultimi anni è l'assalto di artisti che ora chiamano questa città casa. Ad esempio, la fotografa americana Heidi Lender ha acquistato un terreno e, nel 2017, ha aperto il istituto creativo sul campo, che offre programmi di residenza per artisti e una mensa dove i visitatori possono incontrarli. 

L'annuale Campo Artfest è il suo evento di punta, un carnevale di creatività. Si tiene alla fine di dicembre, poco prima di Este Arte, una fiera d'arte alle prime armi nella vicina località turistica di Punta del Este, e del José Ignacio International Film Festival, con proiezioni all'aperto presso la stazione ferroviaria di Waiter. Il risultato: una stagione di festival di un mese. Tuttavia, l'intera estate (da novembre a marzo) è davvero un alveare di attività mentre i giovani artisti danno nuova vita alle case abbandonate degli anni '1920.

Vicino a Campo troviamo altri spazi espositivi, il più grande dei quali, Walden Naturae, è un ambizioso progetto di Ricardo Ocampo, il creatore dello spazio d'arte contemporanea Waldengallery a Buenos Aires. Si trova dietro un imponente muro di mattoni rossi alla periferia della città e, stagionalmente, presenta ogni mese nuove mostre di arte contemporanea latinoamericana.

Appena oltre i confini della città si trova il parco delle sculture dell'artista visivo uruguaiano Paul Atchugarry (il cui figlio Piero ha aperto una galleria vicino alla piazza principale di Garzón nel 2019). L'arte astratta monolitica di Atchugarry condivide lo spazio sulla collina con le opere dello scultore tedesco Peter Schwickerath e del pioniere americano della Land Art Alan Sonfist. I suoi pezzi si alzano come giocattoli donchisciotteschi mentre cammini lungo i sentieri di questa riserva.

A gennaio, in un giardino di sculture più grande vicino a Punta del Este, la Fondazione Atchugarry ha inaugurato il primo museo di arte contemporanea in Uruguay: LA MACA. L'enorme edificio ondulato dell'architetto Carlos Ott combina dipinti di maestri uruguaiani (Joaquín Torres-García, María Freire) con opere di Frank Stella, Wifredo Lam e Louise Nevelson.

Insieme all'arrivo di MACA, Lender ha lanciato un percorso artistico che unisce un circuito di istituzioni creative tra Punta del Este e Garzón e spera di posizionarlo come destinazione artistica e culturale di prim'ordine.

Coniugare la natura, il passato e la decadenza con la modernità e l'apertura al mondo è la grande sfida per Garzón, la città addormentata che si sta risvegliando dal suo letargo. 

Partecipa alla discussione

Confronta gli elenchi

Confronta